• Phone: (39) 0249526072
  • greenline@cirvipack.bio

Bio-Packaging

Vogliamo sviluppare il packaging flessibile come imballaggio che garantisca la protezione del prodotto, la sua shelf life e il miglioramento continuo della qualitá della vita. Abbiamo però un sogno: che tutto ciò avvenga con nuovi materiali e nuove tecniche che permettano l’utilizzo di packaging perfettamente compatibili con l’ambiente.

Ricerca

Lavoriamo su vari livelli di sviluppo del packaging: Biodegradabile Compostabile Riciclabile Impattante sull’ambiente. Ogni studio di packaging che intraprendiamo risponde ad almeno una di queste finalità. Valutiamo e proponiamo ogni biopackaging sulla basa di una scala di valori ecologicamente crescenti.

Il mondo attuale

Lo conoscenza approfondita del mondo del packaging alimentare ci dá la perfetta visione di dove siamo e di cosa necessiti al bio-packaging per essere realmente utilizzabile nell’industria alimentare.

I nostri film riciclabili

La nostra filosofia legata al Poliestere


Siamo a completa disposizione del mercato per sviluppare imballaggi plastici per alimenti per sostituire imballaggi classici con strutture riciclabili.   Lo sviluppo nel mondo e le normative sempre più stringenti, legate anche alle tassazioni legate agli imballaggi che ogni stato europeo andrà ad applicare, inducono a valutare seriamente strutture alternative riciclabili.
  • 100% Poliestere
  • Materiali food-approved in accordo con le recenti normative
  • Possibilità di testare in macchina le caratteristiche tecniche dei materiali.
  • Produzione dei materiali secondo obiettivi eco-friendly




Domande frequenti sulla riciclabilità

Cosa si intende per materiale riciclabile?

La riciclabilità di un prodotto è data non solamente dall'essere tecnicamente riciclabile: bisogna poter accedere a un sistema di raccolta e riciclo, un riciclatore deve essere in grado di trattare il materiale e occorre un mercato finale per i materiali rigenerati.

Quando un materiale può dichiararsi riciclabile?

Per i materiali plastic innovativi introdotti sul mercato si deve dimostrare la possibilità di raccoglierli e selezionarli in volumi sufficienti per il riciclo, la loro compatibilità con i processi di riciclo industriale esistenti, oppure essere disponibili in quantità sufficienti per giustificare l’avvio di nuovi processi di rigenerazione

Cosa si intende per materiale biodegradabile?

Le materie plastiche bidegradabili rispondono alla normativa UNI11183. La norma definisce i requisiti di biodegradabilità che devono soddisfare le materie plastiche utilizzate per preparare manufatti che possono essere smatiti mediante biodegradazione aerobica a temperatura ambiente. Col termine temperatura ambiente, si intende l'intervallo di temperatura delle regioni temperate escludendo le alte temperature tipiche del compostaggio industriale.

Da cosa dipende la biodegradabilità?

La biodegradabilità dipende fortemente dalle condizioni ambientali (temperatura, presenza di microrganismi, presenza di ossigeno e acqua). Un altro concetto da chiarire è quello dei materiali considerati compostabili che si degradano, ma che per essere definiti tali devono rispondere alla norma (EN 13432). La velocità del processo di compostaggio dipende da alcuni parametri, quali temperatura, umidità, presenza di ossigeno, quantità e tipo di materiale compostabile.

Il packaging biodegradabile cambia da paese a paese?

Certo. Paesi con caratteristiche di temperatura ed umidità differenti hanno un impatto completamente diverso in tempo di degradazione del materiale.

Biodegradabile e Bioplastiche sono sinonimi?

Un materiale “bio-based” (a base bio), come la bioplastica, è interamente o parzialmente ricavato da biomassa vegetale, quindi è di origine biologica e non include componenti di origine fossile (carbone o petrolio). Con il termine “biodegradabile” si intende invece un materiale che può essere degradato da microrganismi (batteri o funghi) in acqua, gas naturali, come l’anidride carbonica e il metano, o in biomassa.

Riciclabilità nella termoformatura

Cambio di struttura


Il video caricato illustra un cambio di struttura in un materiale Top e Bottom per termoformatura, da un poliaccoppiato di due materiali plastici a un monofilm di poliestere come richiesto al cliente dalla grande distribuzione.